Una volta trovato l’alloggio ideale per le proprie esigenze abitative, le parti stabiliscono qual è il contratto di locazione più idoneo e questo, stipulato e firmato da entrambe le parti, deve essere registrato.
Infatti ogni contratto di durata superiore ai 30 giorni complessivi nell’anno deve essere registrato obbligatoriamente presso l’Agenzia delle Entrate entro trenta giorni dalla data di stipula o dalla sua decorrenza, se anteriore. Senza la registrazione il contratto, seppur in forma scritta, non produce effetti giuridici.
Il contratto è nullo, è come se non fosse mai stato stipulato, ogni sua clausola non può essere ritenuta obbligatoria. Inoltre ci sono conseguenze fiscali: l’omessa registrazione è infatti un’evasione che implica sanzioni di carattere tributario.

Vediamo a chi spetta l’onere di registrare il contratto.
L’obbligo di provvedere alla registrazione spetta al proprietario, il quale, entro i successivi sessanta giorni, ha l’obbligo di darne comunicazione sia al conduttore/inquilino sia all’amministratore del condominio, qualora l’immobile sia situato in una realtà condominiale.
Nulla vieta che, qualora il proprietario non effettui la registrazione, l’inquilino possa provvedere direttamente a tale adempimento.

Passando alle modalità di registrazione vediamo che la stessa può essere effettuata telematicamente o con modulo cartacea o tramite intermediario.
Comunque per la registrazione è previsto il versamento dell’imposta di bollo, di registro (versata con modello F24) e la compilazione del modello RLI (Registrazione Locazioni Immobili).

Gli oneri di registrazione sono ripartiti in parti uguali tra proprietario e conduttore quindi si dice che vi è “responsabilità solidale”.
L’imposta di registro è un importo pari al 2% del canone di locazione annuo moltiplicato per il numero di annualità, il primo anno l’importo non può essere inferiore a 67 euro.
Qualora il proprietario scelga il regime di cedolare secca, la registrazione è esente dal pagamento delle imposta di bollo e di registro, tale opzione deve essere indicata nel contratto e al momento della registrazione.
Questi aspetti burocratici possono creare qualche ostacolo, soprattutto agli studenti/matricole che magari sono alle prime esperienze con i contratti di locazione.
Per qualsiasi ulteriore informazione noi siamo sempre disponibili, contattateci.

Come registrare contratto di locazione
Tag:             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − sette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.