Nell’articolo “Utenze domestiche: proprietario e inquilino” abbiamo accennato alla presenza sul mercato di molteplici gestori dato l’avvento del mercato libero per le utenze.

A distanza di tempo iniziamo ad assistere a dei veri e propri cambiamenti per le forniture idriche, di gas ed elettricità.

In primis chi aveva come gestore Multiservizi, ad Ancona e non solo, ha notato che l’ultima fattura ricevuta è stata emessa da Viva Servizi.

Infatti Viva Servizi S.p.A. è il nuovo nome  di Multiservizi, società a capitale pubblico  nata dalla fusione di Gorgovivo e Cisco Acque, due aziende presenti nella provincia di Ancona da oltre 30 anni.

Dal 1° gennaio 2004 Viva Servizi SpA è gestore unico di ambito del Servizio Idrico Integrato, secondo quanto previsto dalla Convenzione stipulata con l’Autorità N. 2 Marche Centro Ancona, su un territorio di 43 Comuni delle province di Ancona e Macerata.

Come anticipato questa non è l’unica novità relativa alle utenze, infatti è ormai stabilito il passaggio obbligato del mercato luce e gas dal mercato di maggior tutela al mercato libero.

La data da segnare sul calendario è quella del 1° luglio 2020, quando si aprirà ufficialmente l’era del mercato libero per le forniture di gas ed elettricità.

La prima fase di cambiamento è partita nel 2007, con l’ingresso del mercato libero in affiancamento a quello tutelato ma se fino ad oggi la scelta è stata libera, dal luglio 2020 passare al mercato libero sarà un obbligo.

Da un punto di vista pratico, gli utenti non avranno più la possibilità di scegliere una tariffa basata sul costo della materia prima stabilito ogni tre mesi dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

Il servizio di maggior tutela è il regime tariffario che viene stabilito a cadenza annuale dall’Autorità per l’Energia Elettrica, per il gas e per l’acqua. La stragrande maggioranza dei cittadini italiani (dati ufficiali dicono siano oltre i due terzi della totalità) sfrutta il servizio di maggior tutela, pagando le bollette in base alle tariffe regolamentate dall’Autorità. Il Servizio di Maggior Tutela è utilizzato dai privati per le loro utenze domestiche, ma anche da aziende o per l’illuminazione pubblica degli enti locali.

A partire dal mese di gennaio del 2019, tutte le bollette dell’energia elettrica e del gas naturale emesse dovranno includere un nuovo messaggio dell’Arera, che ha come obiettivo quello di informare i consumatori in merito alla fine del mercato tutelato dell’energia.

Arera aggiornerà la sua comunicazione in bolletta con l’obiettivo di aiutare il consumatore a prendere familiarità con il mercato libero e valutare anche la possibilità di cambiare fornitore o, più semplicemente, di passare ad una nuova offerta non più in regime di tutela.

Il mercato libero dell’energia offre, già da ora, tante opzioni che consentono ai consumatori di poter risparmiare andando a ridurre al minimo gli importi delle bollette, a parità di consumi, sfruttando tariffe più vantaggiose e prezzi bloccati per almeno 12 mesi.

Quella che sta per investire i consumatori è una vera e propria rivoluzione, restate aggiornati iscrivendovi alla nostra newsletter o seguendo il blog.

Novità per mercato delle utenze
Tag:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici + sei =