iuc-bollettino-prepagato

La nuova imposta introdotta nella Legge di Stabilità 2014 ingloba tasse e tributi dovuti in relazione alla casa (IMU) e alla produzione di rifiuti (ex Tia e Tarsu e TARES).
In primis battezzata TRISE, nel maxi-emendamento del Governo approvato in Senato ha assunto la denominazione di Imposta Unica Comunale IUC
Composta da tre parti:
• l’Imu, la parte patrimoniale, che tassa il possesso di un’unità immobiliare;
• la Tari, che prende il posto della Tares o di altre sigle utilizzate per la tassa sui rifiuti, dalla Tia alla vecchia Tars;
• la Tasi, che copre i servizi comunali indivisibili di quelle attività comunali offerte in modo tout court a vantaggio di tutta la cittadinanza (si va dall’illuminazione cittadina alla manutenzione delle strade).

La Iuc è dunque una Service Tax composita, che riunisce le diverse imposizioni fiscali sulla casa e si paga sia rispetto al possesso di un immobile sia alla sua locazione, applicabile tanto ai proprietari quanto agli inquilini.
L’Imu sopravvive per i possessori di prime abitazioni di lusso, per le seconde case e per tutti gli immobili diversi dall’abitazione principale (case, capannoni, negozi, alberghi, etc).
La Tasi sarà a carico sia del proprietario che degli inquilini dell’immobile.
La Tari sarà a carico degli inquilini, indipendentemente se proprietari o affittuari.
Nel concreto la strada è ancora tutta da definire. Su aliquote, detrazioni e scadenze delle singole componenti della Iuc la politica continua a discutere.
Forse si lascia ai Comuni la massima facoltà di decidere come applicare la tassa, all’interno di uno schema pre-disegnato dallo Stato.
Rispetto alle scadenze l’Imu è versata in due rate, il 16 giugno e il 16 dicembre. I Comuni possono stabilire ulteriori modulazioni.
Anche per Tari e Tasi sono previste di norma due rate a cadenza semestrale, con termini stabiliti dal Comune in maniera anche differenziata fra i due tributi; ma si può decidere anche un pagamento unico entro il 16 giugno. Pertanto, farà fede la delibera di ogni Comune per le tre tasse.
Vista la continua evoluzione della materia e il tema “caldo” per proprietarie ed inquilini cercheremo di mantenere uno spazio aperto ad aggiornamenti nel nostro blog.

 

(questo articolo è stato scritto da Ketti Marini)

Imposta Unica Comunale
Tag:                     

Un pensiero su “Imposta Unica Comunale

  • marzo 4, 2014 alle 6:21 pm
    Permalink

    Tutte queste tasse spaventano il mercato immobiliare. Un cittadino tedesco paga per una (seconda) casa a Monaco di Baviera di 50 m2 del valore di 300.000 euro, 200 Euro. Mi sembra controproducente tassare la proprietà, si dovrebbe tassare il reddito.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + otto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.