Ad oggi per gli edifici non esistono ancora sistemi di etichettature universali che dichiarino quanto consumano, come si vive nell’edificio, quali sono i materiali con cui è stato prodotto, il comfort acustico, termico, visivo.

Per misurare la sostenibilità di un edificio sono nati i sistemi di classificazione, tra i quali LEED e GBC, che analizzano diverse aree correlate all’impatto ambientale, economico e sociale dell’edificio. Questi rappresentano un buono strumento per misurare  tutte le performance del sistema edificio nel complesso tramite l’analisi di parametri standardizzati.

Oggi approfondiremo il tema della certificazione LEED: Leadership in Energy and Environmental Design.

È un sistema di certificazione degli edifici che nasce su base volontaria e che viene applicato in oltre 150 Paesi nel mondo. Nasce negli Stati Uniti ad opera di U.S.Green Building Council e rivoluziona l’approccio globale di come gli edifici vengono progettati, costruiti e mantenuti. LEED attualmente è lo standard di certificazione energetica e sostenibilità più diffuso al mondo.
LEED è applicabile a qualsiasi tipo di edificio e per tutte le fasi di sviluppo, dalla progettazione fino alla gestione. Si tratta di un processo valutativo articolato e complesso che coinvolge molti settori.

Di un edificio si osserva: la scelta del sito e dei trasporti, il processo integrato, la gestione dell’acqua, i siti sostenibili, l’energia e atmosfera, i materiali e le risorse, la qualità dell’ambiente interno, l’innovazione, la priorità regionale

I progetti che puntano alla certificazione LEED ottengono dei punti in base alle caratteristiche di sostenibilità delle diverse aree tematiche. Sulla base del punteggio finale raggiunto, un progetto ottiene quindi uno dei quattro livelli di certificazione LEED: certified, silver, gold e platinum.

È ormai ufficiale che l’effetto della certificazione non si limita alla qualificazione dei beni, ma evidenzia un significativo miglioramento dei tempi di collocamento sul mercato, l’edificio si affitta e si acquista molto più facilmente. Questo si traduce in un reale peso economico, lo ha dimostrato la prima ricerca sul tema promossa da REbuildCbre e Gbci Europe (ente che gestisce la certificazione di sostenibilità Leed) presentata lo scorso 3 ottobre a Milano.

La certificazione favorisce un mercato delle costruzioni più trasparente, dove sono chiare le prestazioni e le caratteristiche di ogni edificio.

In un prossimo articolo analizzeremo la certificazione GBC, restate aggiornati iscrivendovi alla newsletter di ihome cliccando qui.

Certificazione LEED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × uno =