Ogni anno i proprietari di appartamenti che intendono affittare con un contratto per studenti universitari o con contratto concordato è bene che seguono con attenzione le novità.

Nella legge di stabilità del 2018 è contenuta la proroga per altri due anni della cedolare secca al 10%, per i contratti a canone concordato rispetto all’ordinario 15%.

 

L’utilizzo dell’aliquota sostitutiva ridotta, rispetto a quella marginale, può avvenire nei contratti per studenti universitari per immobili in comuni sedi di università o corsi universitari distaccati o di specializzazione nonché nei comuni limitrofi. Nella tassazione dei redditi derivanti da contratti di sole persone fisiche a canone concordato, stipulati nei maggiori comuni italiani e nei comuni confinanti e negli altri capoluoghi di provincia o nei comuni ad alta tensione abitativa.

Dal 2018 sempre nei contratti d’affitto per gli studenti cambiano le regole per le detrazioni relative ai periodi di imposta 2017 e 2018. L’università deve essere comunque in un comune diverso da quello della residenza dello studente e con una distanza di almeno cento chilometri tra i due luoghi che si riducono a cinquanta per gli studenti di zone montane o disagiate. Infine non c’è più l’obbligo di ubicazione di provincia diversa tra ateneo e residenza ma rimane la detrazione di 2.633 euro annui.

Chi hai deciso di affittare l’appartamento agli studenti universitari ma è ancora alla ricerca dell’inquilino giusto, può trovare un aiuto grazie al servizio iHome.

Infatti dal 2018 è attivo un nuovo servizio in collaborazione  con Housing Anywhere, una piattaforma online in cui proprietari di casa e società immobiliari possono offrire, in modo gratuito, appartamenti e stanze in locazione, anche per brevi periodi. Grazie all’accordo, iHome ha la possibilità di offrire un panorama più ampio a chi sta offrendo o cercando una casa ad Ancona e nel mondo.

Il servizio permette di trovare un alloggio per medio-lunghi periodi, gli annunci sono proposti non solo dai proprietari ma anche dagli studenti che stanno per trasferirsi e vogliono sub-affittare la propria stanza o appartamento, in modo da evitare di pagare un doppio canone durante il periodo all’estero.

Dato gli studenti internazionali in arrivo nel mese di febbraio all’Università Politecnica delle Marche sono molto attivi in questi giorni sul sito HousingAnywhere, per i proprietari è interessante scoprire come utilizzare questa piattaforma per trovare un inquilino in pochi clic.

Si inizia con una registrazione alla piattaforma e poi si crea il proprio annuncio, il servizio è gratuito e richiede solo alcuni minuti. Sono necessarie alcune foto e le informazioni di base sulla proprietà. Più il profilo è completo, più l’annuncio è ricco di informazioni e più si interagisce rispondendo velocemente ai potenziali inquilini, maggiore è la visibilità nella piattaforma e quindi la possibilità di affittare in poco tempo.L’inquilino può inviare una richiesta di prenotazione oppure può essere il proprietario che invita un inquilino a prenotare la propria stanza. Ad ogni modo, la persona selezionata verserà la prima mensilità direttamente ad Housing Anywhere, tutte le transazioni avvengono in maniera sicura tramite il portale e il primo mese di affitto viene trasferito al proprietario solamente dopo che lo studente ha visto il nuovo alloggio e questo corrisponde alla descrizione.

Non vi resta che provare in autonomia o contattare iHome per inserire il vostro annuncio!

Affitto casa a studenti nel 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

1 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.