computer graphicIniziato il conto alla rovescia per il pagamento della Tari!

La tassa sui rifiuti dovuta dalle persone fisiche e dalla società, che possiedono, detengono o occupano a qualsiasi titolo immobili, locali o aree scoperte nel territorio comunale adibiti a qualsiasi uso, che siano in grado di produrre rifiuti urbani o assimilati.

Quindi la Tari è a carico degli inquilini, indipendentemente se proprietari o affittuari.

La Tari è stata introdotta nel 2014 con l’Imposta Unica Comunale, la  IUC, che comprende Imu, Tasi e Tari; per chi volesse rinfrescare la memoria rimandiamo all’articolo pubblicato lo scorso anno

Quando pagare?

La prima scadenza è fissata tra una settimana: il 16 maggio.

In questi giorni nel Comune di Ancona Ancona Entrate sta inviando a casa dei contribuenti in forma cartacea o posta elettronica l’avviso di pagamento Tari 2015.

L’avviso contiene due modelli di versamento F24 precompilati, uno per pagare la prima rata in acconto ed uno per il saldo di novembre. Anche se c’è la possibilità di pagare la Tari anche in unica soluzione il 16 maggio.

Come pagare?

Il versamento va effettuato esclusivamente tramite il modello di pagamento F24, pagabile presso Banche, Poste, Tabaccai abilitati o attraverso i servizi di home banking.

In vista del pagamento Ancona Entrate ha programmato delle aperture straordinarie al pubblico, la prossima è domani sabato 9 maggio mattina.

Quanto pagare? Nota dolente!

Il tributo da corrispondere è commisurato ad anno solare e computato in base al periodo effettivo di occupazione o detenzione dei suddetti locali o aree scoperte espresso in giorni.

La tariffa del tributo si compone di una quota fissa e di una quota variabile. La quota fissa è determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio, riferite in particolare agli investimenti per opere e ai relativi ammortamenti, mentre la quota variabile è rapportata alle quantità di rifiuti conferiti, alle modalità del servizio fornito e all’entità dei costi di gestione. Per le utenze domestiche la tariffa varia in ragione della superficie dell’immobile ed è graduata a seconda del numero degli occupanti l’immobile. Il numero degli occupanti è quello del nucleo familiare risultante all’Anagrafe del Comune. Ma devono comunque essere dichiarate anche le persone che dimorano nella stessa unità immobiliare (art. 33 del Regolamento comunale IUC). Per i locali di pertinenza di utenze domestiche si applica sia la quota fissa che la quota variabile commisurata ad un occupante (art. 32, comma 4 del Regolamento comunale IUC).

Agevolazione 2015

Per l’anno 2015 il Comune di Ancona ha introdotto un’agevolazione per le utenze domestiche. Il tributo viene ridotto in base alla dichiarazione Isee a condizione che il soggetto passivo sia residente nel Comune di Ancona. Vari gli scaglioni di Isee con le relative percentuali di riduzione.

Per poter usufruire delle suddette riduzioni tariffarie, gli interessati devono presentare richiesta ad Ancona Entrate entro il 30 settembre, utilizzando l’apposito modello, correlato di copia del modello Isee 2015 in corso di validità.

Per qualsiasi aggiornamento o chiarimento restiamo a disposizione, potete contattarci, ormai siamo agli sgoccioli (in tutti i sensi!)

(questo articolo è stato scritto da Ketti Marini)

16 Maggio: deadline Tari
Tag:             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.