modifiche

Chi paga se durante l’affitto vengono apportate migliorie o modifiche all’appartamento?

Quando si firma un contratto di affitto per il proprietario e per l’inquilino sorgono diritti e doveri da rispettare legati alla manutenzione e all’utilizzo dell’immobile. Questo tema già trattato in un precedente articolo “Contratto di affitto diritti e doveri” è spesso motivo di tensioni e  incomprensioni.

La prima regola che l’inquilino deve rispettare è di conservare l’immobile locato nello stesso stato in cui viene consegnato.

Ogni modifica apportata dall’inquilino, non prevista dal contratto, deve essere autorizzata, scritta e firmata dal proprietario il quale, in assenza di accordi, può chiedere che al termine del contratto di locazione la casa torni come era prima.

Salvo accordi diversi, le spese sono a carico dell’inquilino che non ha diritto al rimborso per i miglioramenti apportati. Le modifiche eseguite che possono essere tolte dall’immobile ripristinando la situazione precedente (es. una serratura blindata), dovrebbero essere eliminate al termine della locazione.

Oppure, se il proprietario è interessato, possono essere lasciate in cambio di una cifra concordata, solitamente compresa tra le spese sostenute dall’inquilino per la modifica e il valore al momento della stessa, tenendo conto dell’usura.

Infatti secondo l’art. 1592 c.c., salvo disposizioni particolari della legge o degli usi, il conduttore non ha diritto a indennità per i miglioramenti apportati alla cosa locata.

Abbastanza chiara la ratio secondo la quale, a prescindere dal reale ed effettivo godimento del bene, le migliorie effettuate senza autorizzazione ed all’insaputa del locatore, debbano ricadere economicamente sul solo conduttore, il quale, agendo di propria iniziativa, se n’è assunto in pieno il rischio.

Nessun rimborso per le migliorie che il conduttore non concorda con il locatore anche nel caso in cui la locazione si sia risolta per inadempimento dei proprietari.

Un sospiro di sollievo anche per gli inquilini a cui non può essere chiesto nessun aumento del canone per migliorie o modifiche apportate dal proprietario di casa. L’importo versato mensilmente dall’inquilino deve essere sempre lo stesso. Invece le parti possono accordarsi per una riduzione del canone.

Questi dubbi sorgono dal fatto che un tempo era prevista la possibilità di chiedere un aumento del canone di locazione se il padrone di casa compiva lavori di miglioria dell’appartamento come le riparazioni straordinarie, opere improrogabili e importanti per consentire all’inquilino di continuare ad abitarvi. Ad esempio gli interventi isolanti per eliminare i rumori o l’umidità.

Oggi questa disposizione è stata cancellata per le locazioni ad uso abitativo. Quindi ci si deve affidare a quello che prevede il contratto di locazione; ricordando che se nulla è previsto, il canone non può essere modificato anche se il proprietario compie opere di miglioria sull’immobile.

 

Modifiche, migliorie: chi paga?
Tag:                 

3 pensieri su “Modifiche, migliorie: chi paga?

  • Dicembre 6, 2019 alle 8:51 am
    Permalink

    ok buono a sapersi, Io sto effettuando dei piccoli lavoretti, ma ora mollerò quindi ? tipo stringi le viti delle pulsantiere olia le guide delle porte, delle maniglie , del tubo della doccia. il tutto per vivere più confortevole, cambia le viti nel forno , sistema il forno , le cerniere di alcuni sportelli , ho stretto viti ovunque purtroppo umanamente son abituato a vivere in un determinato modo , voglio che l’abitazione sia funzionale, che non mi faccia perdere tempo e sia efficente. Voglio anche cambiare il sifone della doccia , in quest’ultimo ho messo amuchina disinfettante perchè lì si annidano i batteri.

    Rispondi
  • Aprile 11, 2021 alle 5:46 pm
    Permalink

    Buona sera sono Gaetano , ho costruito 2 portici ,daccordo col propietario ,costati a me 3000 euro in materiali la manod’opera mia, senza di essi quando pioveva l’acqua sbatteva sulla porta e entrava in casa .
    Ora il mio padrone di casa ha deciso di vendere l’immobile
    E non vuole riconoscere alcun rimborso puo farlo

    Rispondi
    • Aprile 12, 2021 alle 10:36 am
      Permalink

      Buongiorno,
      come riportato nel post, le migliorie concordate ed effettuate con autorizzazione del proprietario, vanno rimborsate.
      In tali casi sempre meglio avere accordi ed autorizzazioni scritte. Se ci sono solo accordi verbali, è la parola dell’uno contro l’altro e purtroppo l’unica soluzione è un parere legale, che non sempre economicamente è ragionevole.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

16 + 7 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.